Eurostoxx, balzo positivo nonostante la Grecia

Avvio di settimana positivo per le Borse Europee sulla scia delle attese positive per un accordo sulla Grecia. E’ partito un vero e proprio conto alla rovescia per il paese ellenico. Oggi nei meeting straordinari dell’Eurogruppo e del Consiglio Europeo si deciderà per una risoluzione della questione “Grecia”.

L’amministrazione Tsipras ha presentato ai creditori internazionali (BCE-UE e FMI) un nuovo piano di riforme per sbloccare l’ultima tranche di aiuti e avviare un nuovo pacchetto di aiuti per il paese ellenico con la concessione di ulteriori fondi ed evitare il default.

A fine giugno il Governo di Atene dovrà infatti rimborsare 1,6 miliardi di euro di prestiti al Fondo Monetario Internazionale e le casse del Tesoro del paese ellenico sono praticamente vuote. In caso di mancato accordo si tornerà a parlare di default e martedì potrebbe essere una giornata pesantemente negativa sui mercati.

La Grecia, quindi, sarà indubbiamente sotto ai riflettori dell’intera comunità finanziaria internazionale. Ci saranno anche altri eventi macroeconomici in settimana, in particolare gli indici PMI della Zona Euro e gli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti. Dal punto di vista grafico il cambio eurodollaro è lievemente debole a 1,1340 in attesa di conoscere novità in materia di Grecia.

Segui qui l’andamento live dei prezzi: http://www.ig.com/it/ig-forex/forex-spot-eur-usd.
Passiamo ora all’analisi tecnica, ma restiamo sul cambio Eur/Usd.L’impostazione grafica di breve periodo rimane rialzista ma servirà il superamento delle resistenze situate a 1,1440 e 1,1470 per confermare tali prospettive di crescita. Sopra tali riferimenti obiettivi a 1,1535 e 1,1750, strategici anche in ottica di medio periodo. Discorso ben diverso, invece, in caso di cedimento del supporto a 1,12, preludio a un possibile calo verso 1,1050 e 1,09.

Osservando gli indici, l’Eurostoxx, mostra un balzo positivo significativo tornando ampiamente al di sopra della soglia psicologica dei 3500 punti. L’eventuale perentoria vittoria al di sopra di 3600 spingerà i prezzi verso i target posizionati in area 3700, top di maggio, e 3840, picchi annuali. Tali prospettive grafiche sarebbero annullate con la violazione al ribasso del sostegno a 3375, condizione introduttiva a una discesa verso i 3000 punti.