Grecia: dopo l’accordo con l’Europa cosa cambia?

Tutti felici e contenti per l’accordo raggiunto sulla questione Grecia in Europa. Quello che a molti non è ancora chiaro è cosa sia davvero cambiato in seguito a questo accordo e quali siano (se ce ne sono) i vantaggi per il popolo greco.

tsipras

Purtroppo dobbiamo riconoscere che Tsipras è stato costretto a rinunciare a molte delle sue promesse elettorali pur riuscendo a strappare alcuni aspetti importanti sotto il profilo della dignità.

Veniamo all’accordo: la Grecia ha altri 4 mesi di tempo ( e non 6 come inizialmente richiesto, poi scopriremo perchè) per varare le riforme necessarie a rimettere i conti in linea con le richieste internazionali.

Discorso rinviato a Giugno, quando la Grecia si troverà a dover rinnovare ben 6,7 miliardi di debiti. Di fatto, da questo punto di vista, cambia davvero molto poco… il rischio default per il paese è solo rimandato di 4 mesi perchè, qualora la comunità internazionale non approvi il piano di misure del governo ellenico i fondi non si sbloccheranno e il paese rimarrà senza soldi per stipendi e pensioni.

A meno che, ovviamente, il governo guidato da Tsipras non faccia un lavoro egregio riuscendo a ridare slancio al paese rimanendo nei vincoli imposti dai creditori che hanno già fissato i paletti: almeno 2,5 miliardi di tagli con effetto immediato.

I prossimi mesi, quindi, saranno determinanti per capire quale sarà il futuro della Grecia, del suo popolo ma, anche, di tutta l’eurozona. Quello che non va sottovalutato, infatti, è che qualora la Grecia dovesse fallire le ripercussioni sarebbero davvero molto gravi per tutti, Germania compresa.

Per prima cosa i soldi con cui i paesi creditori sono esposti nei confronti della Grecia andrebbero persi con danni enormi per tutti. In secondo luogo la pressione dei mercati sui paesi dell’eurozona andrebbe alle stelle: lo spread sui titoli di stato salirebbe a più non posso con costi enormi per il rifinanziamento del debito.

A chi conviene che la Grecia esca dall’euro? In linea di massima a nessuno pertanto è ipotizzabile, oltre che auspicabile che si arrivi ad un accordo di più ampia gettata che permetta al governo greco di lavorare in maniera serena al ben del paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *