Grecia e NFP nel mirino degli investitori

Avvio di settimana interlocutorio per le borse europee, che provano a lasciarsi alle spalle le brutte performance della settimana scorsa, soprattutto a Wall Street. La Grecia continua ad essere osservata speciale, gli investitori attendono le prime decisioni del nuovo governo Tsipras. Finora la questione greca ha contribuito ad attutire gli effetti positivi del Quantitative Easing avviato dalla Banca Centrale Europea, ora però inizia il periodo più delicato per il Paese che dovrà riprendere i colloqui con la troika per rivedere gli accordi siglati rispetto agli aiuti economici ricevuti negli ultimi anni.

In primo piano accanto alla questione ellenica, il mercato guarda ora ai Non Farm Payrolls: il dato sulle buste paga circolanti negli sarà diffuso venerdì. Se sei alla ricerca di ulteriori informazioni sulla rilevanza di questo dato macro-economico, puoi registrarti al commento in diretta web degli analisti della piattaforma di trading IG nella sezione didattica del sito.

Da seguire anche i dati sulla bilancia commerciale statunitense, quest’ultima particolarmente importante perché contribuirà alla seconda lettura del Prodotto Interno Lordo del IV trimestre.

Passiamo ora al trading: il cambio Eurodollaro resiste in area 1,13 con il primo livello di resistenza collocato a 1,1370 oltre il quale si creerebbero i presupposti per tornare ad attaccare 1,1425, top della scorsa settimana. Il livello successivo di resistenza rimane a 1,1550. Altri dettagli e livelli tecnici, per Eur/Usd e per Gbp/Usd, all’interno del servizio video firmato da Vincenzo Longo. Chiusura del video dedicata agli indici di borsa a stelle e strisce, con un focus sui livelli tecnici del Dow Jones