Famiglie in crisi: come far quadrare i conti nel 2015

come risparmiareAnche questo natale è passato tra consumi ai minimi termini e la sensazione che l’uscita dalla crisi, almeno per quanto riguarda le famiglie, sia più lontana che mai. Bisogna fare i conti con le tante spese e con un mercato del lavoro davvero poco dinamico. Se si perde il lavoro trovarne un altro è un’impresa.

Le famiglie, quindi, sono costrette a barcamenarsi nel difficile compito di far quadrare i conti e pensare al futuro per prevenire eventuali momenti di ulteriore difficoltà che si potrebbero presentare nel prossimo futuro.

E c’è già chi è pronto a scommettere che il 2015 sarà un anno ancora più difficile di quello appena trascorso. Come fare, allora, per far quadrare i conti? Dobbiamo abituarci a vivere perennemente in crisi?

Come far quadrare i conti

Per prima cosa dobbiamo prendere atto di un aspetto fondamentale. L’uscita dalla crisi è lontana. Facciamocene una ragione e cominciamo a muoverci di conseguenza per poter dare davvero una svolta alla nostra vita.

Mentre in passato era possibile far quadrare i conti senza troppa difficoltà oggi gestire (economicamente) una famiglia non è troppo diverso dal gestire un’azienda. Bisogna avere sempre la situazione sotto controllo gestendo al meglio entrate e uscite in maniera programmatica e meticolosa.

Questo aspetto fondamentale, infatti, ci permetterà di ottimizzare le spese più importanti e diluirle nel corso dei mesi (una sorta di ammortamento).

Ovviamente imparare l’arte del risparmio è un’arma in più che può far davvero la differenza all’interno di una famiglia. Risparmio che non vuol dire necessariamente rinunciare a qualcosa ma, al contrario, averla ad un prezzo minore.

Come può risparmiare una famiglia

Ecco alcune delle voci di spesa su cui vale davvero la pena darsi da fare per risparmiare:

  1. Assicurazione auto: ormai in ogni casa ci sono almeno 2 auto con conseguenti costi di gestione. Uno dei più importanti è quello legato alla polizza auto. Cambiarla ogni anno scegliendo di volta in volta la polizza più conveniente può far risparmiare fino al 30% del valore della polizza.
  2. Spese energetiche: ottimizzare le spese energetiche evitando gli sprechi può incidere in maniera significativa sulle bollette. Evitare di tenere accesi gli elettrodomestici inutilmente (evitare anche lo stand by), abbassare di un solo grado il riscaldamento (o il condizionatore in estate) sono solo alcuni primissimi accorgimenti.
  3. Spesa alimentare: oggi i tanti supermercati si fanno una concorrenza spietata a suon di offerte. Questo per i consumatori è un bene perchè permette di acquistare prodotti di buona qualità a prezzi molto convenienti. Essere sempre aggiornati sulle offerte in corso, fare una spese intelligente comprando solo il necessario sono accorgimenti doverosi che fanno bene al portafoglio ma non solo.
  4. Spese telefoniche: anche il telefono è diventato una voce di spesa molto importante, specialmente per chi ha figli adolescenti. Imparare a scegliere e a districarsi tra le varie offerte è fondamentale.