Tributo 3800: cos’è, cosa significa e utilizzo

Tra numeri, aliquote e codici tributo non sempre la compilazione del modello F24 si presenta come una passeggiata: pagare tasse e imposte non è mai particolarmente piacevole, ma se a questo aspetto si aggiunge anche la paura di sbagliare, l’esperienza diventa ancora più negativa. Per questo motivo è giusto conoscere il significato di quello che si scrive sul modulo: oggi scopriamo cos’è il codice tributo 3800 e vediamo quando è necessario ricorrere al suo utilizzo.

RICHIEDI UN FINANZIAMENTO ONLINE

Cos’è il codice tributo 3800?

Il codice tributo 3800 fa riferimento all’IRAP: più precisamente bisogna utilizzarlo quando si effettua il pagamento del saldo dell’imposta regionale sulle attività produttive. Sono proprio le imprese produttive che devono pagare l’imposta, che viene calcolata sulla base del fatturato (e non degli utili). Essendo un tributo di competenza regionale, le aliquote applicate possono variare da regione a regione; il pagamento deve essere effettuato tramite modello F24 utilizzando il sistema telematico: si può fare sia in modo diretto (accedendo ai servizi online Fiscotel o Entratel oppure tramite home banking), ma anche in modo indiretto, affidando il compito ad intermediari abilitati.

Quando si parla del pagamento dell’IRAP bisogna sempre ricordarsi che non esiste solo il codice tributo 3800: questa stringa di numeri, come detto, va utilizzato per il pagamento del saldo, ma bisogna utilizzare il

  • codice tributo 3812 per il pagamento della prima rata dell’acconto (40%);
  • codice tributo 3813 per il pagamento della seconda rata dell’acconto (40%) o per il pagamento in un’unica soluzione;
  • codice tributo 3858 per il pagamento dell’Imposta Regionale sulle Attività Produttive con versamento mensile.

L’utilizzo corretto: come compilare il modello F24

Nel modello F24 bisogna compilare la Sezione Regioni: nella prima colonna bisogna indicare il codice della Regione (l’elenco completo s può trovare sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate: ad esempio, il Lazio ha il codice 08); nella seconda colonna si inserisce il codice tributo 3800; nella terza colonna (quella dedicata alla rateazione) bisogna inserire un numero formato da quattro cifre: le prime due fanno riferimento alla rata che si sta pagando e le ultime due al numero complessivo delle rate (ad esempio, se si sta pagando la prima di sei rata bisogna scrivere 0106, mentre se si paga l’importo dovuto in un’unica soluzione bisogna indicare 0101).

La quarta colonna è quella in cui va inserito l’anno di riferimento, mentre in quella successiva si indicano gli importi a debito. La sesta colonna va lasciata in bianco. Bisogna infine compilare la riga Totale, indicando le somme degli importi a debito e degli importi a credito presenti nella Sezione Regioni e scrivendo la differenza tra questi due importi nella casella Saldo.

Puoi leggere anche: