Investire in case da ristrutturare conviene davvero?

Dopo aver finalmente deciso di comprare casa bisogna fare un’altra scelta importante: si compra una casa nuova o si può risparmiare acquistando un immobile da ristrutturare? Questa domanda se la pone chi vuole andare a vivere nella nuova casa, ma anche chi è intenzionato ad investire sul mattone. Questo articolo è pensato proprio per questa categoria di persone: cerchiamo di capire se investire in case da ristrutturare conviene davvero.

RICHIEDI UN FINANZIAMENTO ONLINE

Comprare una casa dia ristrutturare è una buona idea?

In linea di massima si può dire che l’acquisto di una casa da ristrutturare può essere una buona soluzione per chi in quella casa ci vuole andare a vivere perché risparmia sul costo dell’immobile, (che in media è più basso del 20% rispetto alle case nuove, anche se la percentuale varia molto tra le città più grandi, dove la differenza è più bassa, e quelle meno popolose) e lo può adattare ai suoi gusti ed esigenze, ma anche a chi ha intenzione di renderla più appetibile se ha intenzione di affittarla; il discorso cambia per chi invece vuole investire in case da ristrutturare acquistandole ora per rivenderle in futuro; un’operazione del genere difficilmente può essere conveniente per un privato, mentre i professionisti del settore che possono fare investimenti in larga scala (ad esempio acquistando un’intera palazzina e non il singolo appartamento) possono ottenere interessanti profitti.

Investire in case da ristrutturare conviene davvero? Gli esempi

Un recente studio pubblicato sulle pagine de Il Corriere della sera ha mostrato quanto può essere più o meno conveniente investire in case da ristrutturare in diverse città italiane. I primi esempi fanno riferimento ad un appartamento di 60 metri quadrati in cui si vogliono fare lavori di ristrutturazione per renderlo abitabile (anche con rifacimento degli impianti):

  • a Milano il prezzo di acquisto è di 191.000 euro; considerando una spese di ristrutturazione di 37.000 euro si porta il valore della casa a 230.000 euro; il bilancio dell’operazione è di 2.000 euro (con la possibilità di beneficiare del bonus Irpef in dieci anni di 18.500 euro);
  • a Napoli il prezzo di acquisto è di 106.000 euro; considerando una spese di ristrutturazione di 29.000 euro si porta il valore della casa a 131.000 euro; il bilancio dell’operazione è di -4.000 euro (con la possibilità di beneficiare del bonus Irpef in dieci anni di 14.500 euro);
  • a Roma il prezzo di acquisto è di 181.000 euro; considerando una spese di ristrutturazione di 38.000 euro si porta il valore della casa a 213.000 euro; il bilancio dell’operazione e di -6.000 euro (con la possibilità di beneficiare del bonus Irpef in dieci anni di 19.000 euro);
  • a Torino il prezzo di acquisto è di 91.000 euro; considerando una spese di ristrutturazione di 32.000 euro si porta il valore della casa a 116.000 euro; il bilancio dell’operazione e di -7.000 euro (con la possibilità di beneficiare del bonus Irpef in dieci anni di 16.000 euro).

Se invece prendiamo in considerazione una casa di 90 metri quadrati che viene ristrutturata con interventi più radicali, in modo da renderla assimilabile al nuovo, la situazione è la seguente:

  • a Milano il prezzo di acquisto è di 287.000 euro; considerando una spese di ristrutturazione di 74.000 euro si porta il valore della casa a 401.000 euro; il bilancio dell’operazione è di 40.000 euro (con la possibilità di beneficiare del bonus Irpef in dieci anni di 37.000 euro);
  • a Napoli il prezzo di acquisto è di 159.000 euro; considerando una spese di ristrutturazione di 58.000 euro si porta il valore della casa a 239.000 euro; il bilancio dell’operazione è di 22.000 euro (con la possibilità di beneficiare del bonus Irpef in dieci anni di 29.000 euro);
  • a Roma il prezzo di acquisto è di 272.000 euro; considerando una spese di ristrutturazione di 76.000 euro si porta il valore della casa a 384.000 euro; il bilancio dell’operazione e di 36.000 euro (con la possibilità di beneficiare del bonus Irpef in dieci anni di 38.000 euro);
  • a Torino il prezzo di acquisto è di 137.000 euro; considerando una spese di ristrutturazione di 64.000 euro si porta il valore della casa a 209.000 euro; il bilancio dell’operazione e di 8.000 euro (con la possibilità di beneficiare del bonus Irpef in dieci anni di 32.000 euro).

Conclusioni: a chi conviene investire in case da ristrutturare?

Come si può vedere, con le case da 60 metri quadrati si va quasi sempre in perdita (solo a Milano il saldo dell’operazione è positivo), mentre con le case da 90 metri quadrati i possibili guadagni sono decisamente più appetibili. Se l’obiettivo è quello di rivendere la casa ristrutturata in tempi brevi (c’è un inglesismo anche per questo: house flipping) l’operazione viene sconsigliata, perché c’è il pericolo di non riuscire a trovare un acquirente in tempi ristretti e quindi, oltre a quelli di acquisto e di ristrutturazione, ci si deve sobbarcare i costi di gestione dell’immobile e gli eventuali costi di agenzia se non si riesce a venderla in proprio.

Puoi leggere anche: