Come giocare in borsa senza perdere soldi

La definizione “giocare in borsa” è di uso comune ma, in se per se, profondamente sbagliata. Sarebbe molto più corretto dire “investire in borsa” perchè si tratta di tutto tranne che di un gioco. La nostra, ovviamente, voleva solo essere una provocazione e strappare un sorriso perchè, evidentemente, il termine giocare in borsa viene usato da anni ed è entrato ormai a far parte del lessico comune.

giocare in borsa senza rischi

A questo punto la domanda interessante da porsi è un’altra: come posso investire senza perdere soldi? Come posso cimentarmi sulle borse senza rischiare di perdere il mio capitale?

Gestione del rischio

Quando si investe sui mercati finanziari uno degli aspetti più importanti è quello di mettere a punto una “strategia di investimento” che sia sviluppata per gestire il rischio in maniera proporzionata al proprio profilo di investitore.

Non tutti, infatti, hanno la stessa propensione al rischio: esistono trader più “aggressivi” ed altri più interessati a proteggere il capitale. In ogni caso non si può pensare di giocare in borsa senza aver messo in campo tutti gli strumenti e le azioni necessari a limitare la possibilità di generare delle perdite.

Facciamo un esempio pratico. Se investo sul forex o sul mercato azionario uno strumento spesso sottovalutato è lo stop loss, ossia un ordine di vendita (o acquisto) automatico che viene impostato al momento di prendere posizione sul mercato.

Lo stop loss permette, quindi, di inserire un ordine qualora il nostro investimento dovesse rivelarsi sbagliato. In questo modo si può contenere la perdita senza andare a mettere a rischio l’intero capitale.

Giocare in borsa senza perdere soldi – i migliori broker

Grazie a www.comegiocareborsa.com cerchiamo di capire quali sono i migliori broker per poter investire sui mercati finanziari. Tra tutti ci sentiamo di segnalare Etoro, broker storico che ha introdotto la funzione “social trading”, Markets, ottimo broker che permette di investire su una moltitudine di strumenti finanziari, e Plus500, broker specializzato nel trading in CFD.

Ovviamente la scelta del broker deve essere fatta partendo da quelle che sono le proprie necessità. Quelli che abbiamo segnalato sono alcuni tra i migliori operatori del settore, scelti da milioni di trader in tutta Europa per giocare in borsa, ma ognuno offre strumenti e funzionalità leggermente differenti.

Se, ad esempio, mi interessa l’aspetto speculativo dei contratti per differenza andrò a scegliere un broker come Plus500, se al contrario, voglio avere la possibilità di partecipare alle sessioni di trading degli altri utenti andrò a scegliere Etoro per via della sua funzione di social trading.