Wthink

Economia, finanza e risparmio

Bonifico Sepa: cos’è, come si compila e come si riscuote

Uno dei sistemi di pagamento più utilizzati è il bonifico SEPA, anche se non tutti sanno bene cos’è: molto semplicemente si tratta di uno strumento che consente di effettuare pagamenti a soggetti che si trovano in Paesi che utilizzano l’euro come moneta. L’acronimo SEPA infatti sta ad indicare Single Euro Payment Area: vediamo quali sono le caratteristiche di questo bonifico, come si compila e come si riscuote.

RICHIEDI UN FINANZIAMENTO ONLINE

Cos’è il bonifico SEPA

L’area SEPA è composta dai 19 Paesi che hanno adottato l’euro come moneta ufficiale (l’Italia rientra in questo gruppo composto anche da Germania, Franca, Spagna, Portogallo, Austria, Belgio, Irlanda, Grecia, Cipro, Lituania, Lettonia, Estonia, Malta, Lussemburgo, Finlandia, Slovenia, Slovacchia e Paesi Bassi), ma anche dai 9 Paesi che pur non avendo adottato l’euro effettuano pagamenti con questa moneta (quindi Danimarca, Svezia, Polonia, Romania, Repubblica Ceca, Croazia, Bulgaria, Ungheria e Regno Unito) e da 6 Paesi che non fanno parte dell’Unione Europea e non fanno pagamenti in euro, ma hanno aderito alla SEPA (Principato di Monaco, Svizzera, San Marino, Islanda, Norvegia, Liechtenstein). Il bonifico SEPA è stato istituito per perseguire l’obiettivo dell’uniformità dei mercati europei, raggiungibile solo con l’annullamento di tutte le distinzioni tra i pagamenti nazionali e i pagamenti esteri all’interno dell’area euro: in altri termini, la procedura e le regole per disporre un bonifico sono le stesse in tutti i Paesi SEPA, anche se i tempi e i costi per un bonifico estero possono essere molto diversi tra loro.

Come si compila e si riscuote il bonifico SEPA?

Si può effettuare un bonifico SEPA recandosi presso uno sportello della propria banca oppure sfruttando i servizi di home banking: per portare a termine l’operazione è sufficiente avere a disposizione il nome del destinatario e il suo codice IBAN. Per la compilazione del bonifico servono i dati di chi effettua il pagamento (nome e cognome, codice fiscale, Iban e Bic ed eventualmente ragione sociale e partita IVA) e quelli del beneficiario (nome e cognome, codice Iban e Bic, ragione sociale); poi bisogna specificare l’importo in euro, indicare la causale e la data di esecuzione. Questo sistema di pagamento viene molto apprezzato perché i tempi di accredito sono molto veloci: l’esecuzione infatti deve avvenire entro un giorno lavorativo dall’ordine e le somme devono essere accreditate sul conto del beneficiario entro un giorno dall’esecuzione (in questo modo le somme possono essere riscosse praticamente subito). I costi dell’operazione possono variare in base ad alcuni fattori come il Paese di destinazione (soprattutto se questi non usano l’euro come valuta nazionale), la modalità di esecuzione (allo sportello oppure online) e il tipo di conto corrente della persona che dispone il bonifico.

Puoi leggere anche:

Wthing © 2014 Frontier Theme